Vai al contenuto

E se il Mondiale fosse di Controller, chi lo vincerebbe?

stress

E se il Mondiale fosse di Controller, chi lo vincerebbe?

Quali sono i migliori quattro addetti al Controllo di gestione al mondo? Ispiriamoci coi loro suggerimenti.
Si sa, fra crisi e mercati instabili, le cose non sono più come prima e controllare l’andamento aziendale è ogni giorno più importante per capire cosa ci sta succedendo.
Lo sanno bene gli Stati Uniti, sistema in cui il CFO/Resp. Amministrazione e Finanza è la figura più importante in azienda dopo l’Amministratore.

«Perché serve a capire se stiamo facendo (o abbiamo fatto) le scelte giuste: Stiamo portando profitti? Da dove arrivano i nostri margini? Sappiamo generare cassa e reinvestirla correttamente?».

 

Negli Stati Uniti queste risposte devono essere costantemente fornite agli azionisti, ai finanziatori, ai fondi; e devono farlo anche le piccole realtà, per non perdere risorse finanziarie.

Ma in Italia?! Beh, anche da noi, non basta sapere cosa vendere e a chi. Esattamente come quando si abbassa il livello delle acque e affiorano gli iceberg: quando i volumi di vendita sono scesi, i problemi sono emersi. E le analisi sono diventate fondamentali..

Scopriamo allora come svolgere le nostre analisi al meglio, seguendo i suggerimenti dei quattro più famosi CFO al mondo:

1. Moray Dewhurst di NextEra Energy, energie rinnovabili; 2. Nicholas Fanandakis di DuPont, società chimica multinazionale; 3. Deborah Thomas, di Hasbro, giochi ed entertainment; 4. Chris Kreidler, di Sysco ristorazione collettiva,

suggeriscono le regole che ogni addetto al controllo di gestione dovrebbe seguire, per funzionare come strateghi, generatori di entrate e veri guru in materia di rischi aziendali. Questi i loro suggerimenti:

1. Guardate sempre avanti, non “sedetevi sugli allori”. Occorre avere ben chiaro l’obiettivo di far crescere l’azienda e perseguirlo ostinatamente per far sì che questo accada. Per cui, analizzate ed intervenite spesso su parametri ed indicatori più rappresentativi della crescita aziendale.

2. Non basta misurarsi con gli obiettivi interni: confrontarsi sempre coi concorrenti nel proprio settore è fondamentale per migliorarsi (benchmark).

3. Mantenete una costante attenzione al miglioramento continuo.. poiché i clienti sono per definizione insoddisfatti! Eseguite molti raffronti con periodi precedenti e stabilite budget motivanti.

4. Non abbiate paura di impiegare appositi software, di solito sottoutilizzati. Molti recuperi di efficienza nascono proprio dall’utilizzo di funzionalità di sistema spesso ignorate. Usufruite di un prodotto specialistico che aiuti ad impostare analisi multidimensionali, calcoli dei costi, budget, cash flow..

5. Assicuratevi di avere in testa una visione globale dell’impresa. Se necessario, talvolta abbandonate la scrivania: è essenziale conoscere bene l’azienda e la sua organizzazione, magari girare tra i reparti produttivi, accorgersi se ci sono problemi di efficienza, dialogare costantemente con le altre aree..

A livello pratico, tempestività e rapidità di elaborazione fanno la VERA differenza. Tutti i processi amministrativi devono seguire un calendario interno rigoroso. Ci sono giornate in cui le scadenze fiscali non sono imminenti, ma informare l’imprenditore sull’andamento aziendale e preparare una reportistica puntuale resta sempre necessario! Per cui: fornite sempre un feedback tempestivo, senza fossilizzarvi sulle revisioni annuali o su una reportistica esclusivamente mensile.

Inoltre, fra le attività cui prestare molta cura: costruire budget e piani finanziari, identificare la struttura ottimale del capitale, coprire i rischi finanziari, valutare gli investimenti, scegliere le fonti finanziarie più adeguate, e la più indicata politica di distribuzione degli utili. Tutte queste scelte hanno un impatto forte sul costo del capitale, quindi sui margini, quindi su un’ulteriore capacità di ricorrere al credito…

I risultati di questi suggerimenti ripagheranno gli sforzi: incremento di margini e cassa, miglioramento dell’efficienza, valutazione ponderata di investimenti / disinvestimenti e miglioramento delle relazioni con i finanziatori. Insomma: forse non finiremo mai nella classifica dei migliori controller al mondo, ma se riusciamo a dare alla nostra azienda i risultati sopra.. il nostro Mondiale lo avremo sicuramente vinto!

 

Per info sui corsi professionali da Controller > Contattaci

 

[widgets_on_pages id=”CLOUD”]

Più potenza e valore alla tua competitività.

SELFPLANNING nasce dal grande valore aggiunto di K|VENTURE: la migliore tecnologia, al servizio della grande esperienza nel mondo del controllo di gestione

Oltre 40 anni di esperienza nella consulenza direzionale, a fianco di realtà nazionali ed internazionali. Dal 2005, la Divisione Software sviluppa strumenti leader di mercato, per guidare le imprese verso risultati migliori.

  • Professionisti esperti in area finanza e controllo.
  • Conoscenza di impresa e mercati per suggerire percorsi di crescita sicuri.
  • Giusto equilibrio tra specificità delle soluzioni e rispetto delle esigenze aziendali.

Scopri di più

Prova oggi SELFPLANNING

Richiedi un accesso oppure semplicemente maggiori informazioni.
Lascia i tuoi contatti! Ti risponderemo il prima possibile.

+39 0587 482164 marketing@kventure.it